Tutti i giovedi dalle ore 18.00 alle ore 19.30!

si può arrivare il qualsiasi momento il Tempio è sempre aperto, il nuovo Sadashiva Bhajan Group è sempre pronto ad accogliere e ad abbracciare nuove voci.

(richiesta solo tessera associativa - ingresso libero)


Il Bhajan

Il Bhajan è un’attività del Bhakti Yoga, quello Yoga che si avvicina al Divino, attraverso l’aspetto più emotivo e sentimentale. Il bhajan è una pratica yoga semplice è ricca di piacevoli sensazioni. Il canto di gruppo, può dare a chiunque ne intoni la melodia e il tempo, una immediata e piacevole sensazione di gioia.

Nell'apprendimento del bhajan si svolge la prima vera esperienza vibrazionale; l'inizio di un processo di armonizzazione psico-somatico. Non esistono persone stonate, semmai musicalmente non educate o inibite, che attraverso la pratica possono sviluppare la loro musicalità personale ed esprimere attraverso la voce e il canto, una parte importante di se stessi. La voce è emotività, ricordiamolo. L’espressione del canto attiva l’espressione del respiro e a sua volta quella delle emozioni. Così, possiamo vedere che la pratica del bhajan è utile anche alle persone che per timidezza o eccessiva introversione, non riescono ad esprimere le proprie emozioni liberamente.

Ciò che in ogni modo si evidenzia è la straordinaria sensibilità e potenzialità del linguaggio musicale del bhajan in grado di “evocare” col tempo, in ognuno di noi, quella stessa sensibilità espressiva e artistica che dà alla vita la giusta armonia.

Il sentimento e l’intenzione

E' forse l'aspetto più delicato e importante. Quello che nel canto devozionale offriamo a Dio è proprio il nostro sentimento spesso sepolto o nascosto tra le pieghe della nostra mente razionale. Esprimere un sentimento autentico che sgorga dal cuore è un tappa fondamentale in questa pratica, soprattutto in questi tempi in cui gli esseri umani trovano difficoltà nella comunicazione più intima e profonda con se stessi e con gli altri. L'esercizio dell'espressione della dolcezza ha la funzione di evocare in noi la nostra vera natura.

L'interpretazione e l'espressione

 Gli elementi principali che costituiscono l'espressività di un canto sono dolcezza e forza Shiva - Shakti che sono sempre presenti entrambi.

Quando il bhajan è dolce, come molti bhajan dedicati alla Devi o a Rama, predomina la dolcezza che se non viene sostenuta da una dose di “forza” rischia di diventare una “lagna”. Allo stesso modo se il bhajan sarà più vigoroso, come quelli dedicati a Shiva, una dose di dolcezza ne valorizzerà la forza.

Va logicamente considerato che ognuno di noi può essere portato a seconda del temperamento, verso un tipo di bhajan o un altro, ciò non toglie che “dolcezza” e “forza” sono due aspetti che vanno sempre sperimentati.

Conoscere il significato delle parole

“Quando cantate i bhajan, prestate attenzione anche al significato del canto ed al messaggio di ciascun nome e forma del Divino”.

 

La lingua sanscrita, utilizzata nella maggior parte dei bhajan è carica di significati vibrazionali e simbolici che spesso tendiamo a sottovalutare. Attraverso il bhajan, si narra e si espone l’antica saggezza eterna dello Yoga, dove la funzione della vibrazione e del simbolo sono utile a descrivere l'essenza di cose che a volte, sono inesprimibili a parole.

Shiva Yoga Temple

Viale della Repubblica 58 - 20851 Lissone (Monza Brianza)

 

✉ shivayogatemple@gmail.com

331.4927311

  

Centri Shiva Yoga:

 

Cuneo - Via Fratelli Ramorino 10

348.5281552

shivayoga.cuneo@gmail.com

 

Pavia - Via Mirabello 153/a

333.6867396

shivayoga.pavia@gmail.com